2 pistole duello, Italia 1825

2 pistole duello italiane, 1825

Un duello è un tipo di combattimento formale, praticato dal XV secolo al XX nelle società occidentali. Può essere definito come un combattimento consensuale tra due cavalieri, che usano armi letali secondo regole esplicite o implicite che sono rispettate per l'onore dei concorrenti, accompagnate dai padrini, che possono combattere o meno l'uno con l'altro. In generale, e specialmente negli ultimi decenni, un duello è considerato un atto illegale nella maggior parte dei paesi.

Il duello è stato sviluppato dalla volontà di una delle parti - la sfida - di lavare un insulto al suo onore. L'obiettivo non era generalmente quello di uccidere l'avversario, ma di ottenere "soddisfazione", ad esempio ripristinando il proprio onore mettendo in gioco la vita per difenderla.

Il duello deve essere distinto dai test di combattimento, poiché i primi non sono stati usati per determinare la colpevolezza o l'innocenza, né costituivano procedure ufficiali. I duelli erano generalmente illegali, nonostante il fatto che nella maggior parte delle società in cui era solito, avesse un consenso sociale.

I partecipanti di un duello debitamente sollevato non venivano di solito perseguitati, e nei casi in cui lo erano, non venivano imprigionati per questo motivo. Si pensava che solo i cavalieri avessero un onore da difendere, e quindi la classe sociale superiore era qualificata per farlo: se un gentiluomo veniva insultato da qualcuno della classe inferiore, ciò non lo sfidava a duellare, ma lo infliggeva qualche punizione fisica o commissionare ai suoi servi di farlo.

Riferimento 2-1013/G

Misure: 39.5 cm
Peso: 1.110 g
Tempo: Armi storiche S.XVI-XIX
Tipo da collezione: Pistole

PVP consigliato 106.94
Torna all'inizio